martedì 1 luglio 2008

Questione unitaria dell'OFS

Per chi ha seguito le vicissitudini giuridici della fusione dell'OFS delle varie obbedienze, segnalo questo importante aggiornamento dal sito dell'OFS italiano

La Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata chiarisce definitivamente la questione unitaria dell'OFS d'Italia
La Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica, con documento Prot. n. 43297/98 dato in Città del Vaticano il 18 Giugno 2008, ha dato risposta alla richiesta avanzatale nei mesi scorsi dal Ministro Nazionale Giuseppe Failla che, su richiesta dell'assemblea Capitolare del maggio 2007, aveva chiesto un chiairmento definitivo sulla questione unitaria, che ponesse fine alle numerose difficoltà e sofferenze che il cammino unitario stava provocando a molte Fraternità e fratelli e sorelle dell'OFS d'Italia. Il prezioso documento, sancisce definitivamente la posizione della Santa Sede sulla vicenda: "...riaffermiamo nuovamente che tutte le Fraternità locali e i relativi membri che non abbiano ancora aderito all'unico OFS eretto dalla Sede Apostolica devono confluire in esso, con spirito di amore fraterno e di vera comunione, senza più frapporre ostacoli e resistenze". Al documento, è allegata la decisione del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica del 9 maggio scorso, "che ha definitivamente rifiutato, senza possibilità di appello, la celebrazione del Capitolo elettivo, che implicitamente poteva essere intesa come il riconoscimento di una Fraternità nazionale dell'Ordine Francescano Secolare Minori d'Italia". Il documento si conclude con questo saluto: "San Francesco d'Assisi guidi il cammino dell'OFS italiano verso traguardi di una sempre più appassionata e gioiosa fedeltà al Vangelo, "regola e vita" di ogni autentico francescano. Questo auspicio si fa particolarmente vivo nell'occasione del trentesimo anniversario della nuova Regola dell'OFS (24 Giugno 1978)". FAI CLICK QUI PER ANDARE ALLA PAGINA DELLO SPECIALE E SCARICARE I TESTI DELLA LETTERA DELLA CONGREGAZIONE E DELLA CIRCOLARE DEL MINISTRO NAZIONALE

Massimo Giudici